Top menu

2011_marina_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2010_temporale_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2007_grandepino_w.jpg

connotazione

Opposta alla denotazione, che è il valore informativo-referenziale di base di un segno linguistico indicato dal codice, la connotazione è un valore supplementare (allusivo, evocativo, affettivo), un sovrappiù di senso del segno stesso, che si può orientare in direzione dell’asse di contiguità (metonimia) o dell’asse di similarità (metafora).

Mentre la denotazione appartiene a un unico livello di senso, la connotazione si può avere a diversi livelli di senso, secondo lo schema:

Significante1

+  Significato1 =  Segno1

Segno1

+  Significante2

=  Segno2

Segno2

+  Significante3

=  Segno3

...

   

Ossia, un segno semplice, costituito da significante + significato di base (denotato), può a sua volta diventare il significante di un altro significato più complesso (connotato).