Top menu

2012_campo-papaveri_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_stagno_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2010_steppa_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg

3 items tagged "lingua"

Risultati 1 - 3 di 3

Letteratura e civiltà

Category: Pensierini della sera
Creato il Martedì, 10 Settembre 2013 22:32

La storia letteraria di un popolo non è già un elenco delle opere scritte nella lingua nazionale; ovvero una successione di giudizi estetici e di biografie di autori: è invece la rappresentazione della vita spirituale del popolo rintracciata nei canti e nelle funzioni dei suoi poeti, nella meditazione e nelle memorie dei suoi sapienti, insomma nella sua letteratura la quale riflette perciò le vicende della civiltà e l'opera dei fattori che agirono in questa.

Natalino Sapegno

Lingua e psiche

Category: Pensierini della sera
Creato il Martedì, 10 Settembre 2013 22:25

Nel libro si riversa la mia maniacale attenzione per la musica della lingua madre. Spesso leggo romanzi italiani che sembrano tradotti dall'inglese: invece l'italiano va utilizzato nella sua unicità. Una lingua troppo semplificata riflette anche una psiche poso esigente, e la letteratura non nasce per questo.

Andrea Molesini
Giornale di Brescia, 11.03.2012, p. 54

Parole prigione

Category: Pensierini della sera
Creato il Lunedì, 09 Settembre 2013 21:39

Le parole permettono di identificare e di cercare ciò che non va nella nostra lingua, e di scegliere quello che non va nella nostra vita. Molto spesso le parole possono trasformarsi in prigione, ridurre le sensazioni. Ma le parole aiutano a superare i mali, a entrare in contatto con gli altri, a capire che non siamo soli.

Alexandre Jollien (filosofo)
Giornale di Brescia, 30.12.2011, p. 42