Top menu

2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_settembre_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_stagno_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg

Parole prigione

Le parole permettono di identificare e di cercare ciò che non va nella nostra lingua, e di scegliere quello che non va nella nostra vita. Molto spesso le parole possono trasformarsi in prigione, ridurre le sensazioni. Ma le parole aiutano a superare i mali, a entrare in contatto con gli altri, a capire che non siamo soli.

Alexandre Jollien (filosofo)
Giornale di Brescia, 30.12.2011, p. 42