Top menu

2009_tramonto_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2010_temporale_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto2_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_settembre_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg

Lingua e psiche

Nel libro si riversa la mia maniacale attenzione per la musica della lingua madre. Spesso leggo romanzi italiani che sembrano tradotti dall'inglese: invece l'italiano va utilizzato nella sua unicità. Una lingua troppo semplificata riflette anche una psiche poso esigente, e la letteratura non nasce per questo.

Andrea Molesini
Giornale di Brescia, 11.03.2012, p. 54