Top menu

2012_squarcio-di-luce_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_stagno_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg

asindeto

L’asìndeto è una figura sintattica che consiste nell’omissione dei legami sintattici, specie delle congiunzioni coordinative (e, , o, ecc.). fra due o più termini o frasi. È tipico nelle ►enumerazioni, dove le congiunzioni omesse possono essere sostituite da punteggiature (virgole) o semplicemente da spazi bianchi.

Il fenomeno opposto è il polisindeto, in cui le congiunzioni coordinative sono ripetute per ciascun elemento della enumerazione.

 


 

Esempi

• Di che reggimento siete | fratelli? || Parola tremante | nella notte || Foglia appena nata || Nell’aria spasimante | involontaria rivolta | dell’uomo presente alla sua fragilità || Fratelli (Ungaretti)