Top menu

2009_stagno_w.jpg2011_settembre_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2010_steppa_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_marina_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg

polisindeto

Il polisìndeto è una figura sintattica che consiste nell’uso ripetuto delle congiunzioni coordinative (e, , o, ecc.) fra due o più termini o frasi (una sorta di anafora della congiunzione).

Il fenomeno opposto è l’asindeto, in cui le congiunzioni coordinative sono omesse per tutti i termini della enumerazione.

 


Esempi

• La vita fugge e non s’arresta un’ora, | e la morte vien dietro a gran giornate, | e le cose presenti, e le passate | mi danno guerra, e le future ancora; e il rimembrar e l’aspettar m’accora (Petrarca)