Top menu

2010_steppa_w.jpg2009_incendio_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_stagno_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg

epigramma

Si definisce epigràmma una breve composizione lirica di vario tema, ma preferibilmente satirico e pungente; costruita spesso in modo da prendere l’argomento alla larga, e concludere nell’ultimo verso con una battuta di spirito o un gioco di parole, che punta all’inversione dell’impressione di partenza, creando lo straniamento in cui consiste l’ironia.

Di origine affine all’►elegia, l’epigramma era in origine un’iscrizione funeraria o commemorativa; in età ellenistica, e poi imperiale e bizantina, diviene componimento poetico sempre assai breve, di tema vario: amoroso, sentimentale, gnomico, parenetico, politico, conservando però sempre il carattere ironico e scherzoso, a volte sarcastico. Fra i latini i più famosi epigrammi sono di Catullo e poi di Marziale, con accentuazione del tono comico e satirico. I metri più frequenti sono il distico elegiaco, l’endecasillabo falecio, il coliambo.

Anche gli umanisti e i moderni imitarono gli antichi epigrammisti: nel ‘400, con quartine di endecasillabi ABBA (Poliziano, Sannazaro); nel ‘500 con coppie di endecasillabi a rima baciata o senza rima; e poi i barocchi su temi e toni arguti e d’effetto; col ‘700 entrano non marginalmente le polemiche personali, sociali e politiche (Monti, Foscolo, Alfieri).

Esempi in epoca contemporanea si trovano in Pasolini e Fortini.