Top menu

2008_acquitrino_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_stagno_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_tramonto_w.jpg

Le dimensioni della realtà

Ripensando alle riflessioni di stamattina sul rapporto, ad es., tra la pittura e la realtà, credo che potrebbe essere interessante vedere anche voi il filmato che ho caricato in Dropbox per la 4ªA: per voi di 3ª non è un compito, ma vedendolo riuscirete certamente a scoprire alcuni degli argomenti della discussione di stamattina.

Un'altra lettura stimolante per capire i problemi del trasferire la realtà complessa (a 4 dimensioni) in linguaggi dotati di meno dimensioni (3, 2 o anche una sola, come la musica e la lingua), è certamente Flatlandia di E.A. Abbot, che (se non l'avete già letto) troverete qui (la pw per aprirlo è quella che vi ho comunicato in classe l'altro giorno). Mi piacerebbe che lo leggeste tutti: poi magari ne faremo oggetto di discussione in classe.