Top menu

2012_tre-alberi_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_settembre_w.jpg2010_temporale_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sorgere_w.jpg

Poe e il “paradigma indiziario”

Tanto per cominciare, vi sottopongo il file con gli articoli di giornale tratti dal racconto “Il mistero di Marie Roget” di E.A. Poe.
» www.webalice.it/quomodo/percorsi/pa...rieroget-gg.pdf

Il gioco che propongo consiste nel tentare di ricostruire una possibile spiegazione della vicenda dell’omicidio della ragazza, traendo dai giornali le informazioni, che sono le stesse dalle quali l’investigatore protagonista monsieur Dupin desume la sua soluzione del delitto. Alla fine (ma solo alla fine) potrete confrontare le vostre ricostruzioni con il racconto di Poe.

Ovvio che il gioco funziona solo se non cercate la risposta giusta prima di aver elaborato la vostra ricostruzione: in realtà, la cosa divertente non è tanto nel fatto di indovinare la soluzione, ma piuttosto di provare a elaborare un vostro racconto (metti che scopriate di avere del talento per la narrativa... anche se io non mi farei molte illusioni in proposito...).

Le ricostruzioni più carine le pubblichiamo sul mio sito.

Nel frattempo suggerisco a quelli intelligenti (ma solo a quelli: gli altri se ne guardino bene, pena la scomunica!) la lettura di questo saggio appassionante sul concetto di “paradigma indiziario”:
» www.webalice.it/quomodo/percorsi/pa...parad-indiz.pdf