Top menu

2011_cespuglio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_marina_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_sorgere_w.jpg

Ortografite acuta e cronica

A scanso di equivoci, visto che nessuno è immune dalla malattia dell’ortografite (!) acuta o cronica, suggerisco di fare ogni tanto una utile capatina alla discussione relativa nel forum di 4ªC, al link seguente:
» http://quomodo.forumfree.it/?t=47479129

Non ho bisogno di ammonire che un bell’errore ortografico, specie se piazzato in bella mostra nella prima o nell’ultima frase del tema, susciterà il compiacimento sicuro dell’intera commissione d’esame, compresi i commissari di materie scientifiche (che magari un po’ di ortografia italiana la sanno anche loro!)

Un esercizio utile potrebbe anche essere rivedersi periodicamente gli ormai celeberrimi “tabù”.