Top menu

2012_tre-alberi_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2010_temporale_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_marina_w.jpg

Cultura scandalosa

L’antidoto a credenze folli, timori infondati, speranze vaghe è una diffusione vasta e profonda della cultura per tutti. Liberiamoci dalla timidezza verso l’apprendimento. Quel che un uomo ha imparato, un altro uomo può imparare. Certe soluzioni semplici risolvono problemi tecnologici e sociali come tagliassero nodi gordiani. La situazione è grave: dovremmo incidere drasticamente e subito. «Oportet ut schandala eveniant»: bisogna che accada lo scandalo, e lo scandalo più grosso è l’incultura.

Roberto Vacca
Giornale di Brescia, 29.01.2011, p. 49