Top menu

2010_temporale_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg

Musica traditrice

Nulla vi è di così sensibile, brutale o scatenato dalla rabbia che la musica, finché se ne prolunghi l’eco, non trasformi nella sua stessa natura. Colui che non può contare su alcuna musica dentro di sé, e non si lascia intenerire dall’armonia concorde di suoni dolcemente modulati, è pronto al tradimento, agli inganni e alla rapina: i moti dell’animo suo sono oscuri come la notte e i suoi affetti tenebrosi come l’Erebo. Nessuno fidi mai in un uomo simile.

William Shakespeare
dal Mercante di Venezia