Top menu

2011_paes-invernale-1_w.jpg2010_temporale_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg

pronomi dimostrativi e determinativi

Segue una sintesi dei principali pronomi latini (da conoscere assolutamente benissimo!)

Pronomi dimostrativi

  m.s. f.s. n.s. m.p. f.p. n.p.   avv..lg.
N hic haec hoc hi hae haec    
G   huius   horum harum horum in hic
D   huic     his   a huc
Ac hunc hanc hoc hos has haec da hinc
Ab hoc c hoc   his   per hāc 
                 
N ille illă illud illi illae illă    
G   illius   illorum illarum illorum in illìc
D   illi     illis   a illùc
Ac illum illam illud illos illas illă da illìnc
Ab illo illā illo   illis   per illàc
                 
N iste istă istud isti istae istă    
G   istius   istorum istarum istorum in istìc
D   isti     istis   a istùc
Ac istum istam istud istos istas istă da istìnc
Ab isto istā isto   istis   per istàc

• hic = referente vicino al mittente

• iste = referente vicino al destinatario; oppure con accezione spregiativa

• ille = referente lontano dal mittente e dal destinatario; oppure con accezione elogiativa

• talora il valore di hic e ille può applicarsi alla posizione nel testo delle parole indicanti i rispettivi referenti: in tal caso, ille riprende la parola più lontana e hic la più vicina

Pronomi determinativi

  m.s. f.s. n.s. m.p. f.p. n.p.   avv.lg.
N is id

ei / ii

eae    
G   eius   eorum earum eorum in ibi
D   ei     eis   a eō
Ac eum eam id eod eas da inde
Ab eo eo   eis   per eā
                 
N idem dem idem iidem eaedem dem    
G   eiusdem   eorundem earundem eorundem in ibīdem
D   eidem     iisdem   a eōdem
Ac eundem eandem idem eosdem easdem dem da indĭdem
Ab eodem dem eodem   iisdem   per eādem
                 
N ipse ipsă ipsum ipsi ipsae ipsă    
G   ipsius   ipsorum ipsarum ipsorum    
D   ipsi     ipsis      
Ac ipsum ipsam ipsum ipsos ipsas ipsă    
Ab ipso ipsā  ipso   ipsis      

• is = anaforico generico (spesso corrisponde in italiano al pronome personale di 3ª persona)
- quando è da solo (pronome sostantivo), di solito equivale al pronome personale di 3ª persona (= egli, ella, ciò, lui, lei, essi, esse, loro, le cose);

- quando è da solo in caso genitivo (eius, eorum, earum) vuol dire “di lui, di lei, di ciò, di essi, di esse, di quelle cose”, e quindi equivale al pronome possessivo “suo, loro” (purché non abbia per referente il soggetto della frase);
- quando è concordato con un nome (pronome aggettivo), vuol dire “questo” o “quello” (a seconda del contesto), quindi se è concordato con un nome in caso genitivo, vuol dire “di questo ...” o “di quel ...”.

• idem = stesso/medesimo con valore di identità (= identico)

• ipse = stesso/medesimo con valore di rilievo (= proprio quello, non un altro)
- nella traduzione di ipse è meglio evitare l’uso di stesso/medesimo e ricorrere a perifrasi differenti

• NB1: in latino non esiste un vero e proprio pronome personale di 3ª persona, quindi al suo posto il latino è costretto a ricorrere a qualcuno degli altri pronomi dimostrativi o determinativi

• NB2: quando uno qualunque di questi pronomi latini può essere reso in italiano con un pronome personale, allora deve essere reso come tale.