Top menu

2012_campo-papaveri_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_settembre_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2010_steppa_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg

Vivere fortiter facere

Saepe impetum cepi abrumpendae vitae: patris me indulgentissimi senectus retinuit. Cogitavi enim non quam fortiter ego mori possem, sed quam ille fortiter desiderare non posset. Itaque imperavi mihi ut viverem: aliquando enim et vivere fortiter facere est.

[Un sacco di volte mi ha preso l’ossessione di farla finita con la vita: ma mi ha trattenuto l’età avanzata di mio padre, che mi voleva così bene. Ho considerato infatti non quanto coraggio costava a me morire, ma quanto coraggio sarebbe costato a lui provare nostalgia di me. Perciò mi sono fatto obbligo di vivere: in certi casi, anche scegliere di vivere è un atto di coraggio].

Seneca, Ad Lucilium 78, 2