Top menu

2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_tramonto_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg

Esempio di lavoro sul saggio breve

Il giallo evidenzia poche parole chiave, che mi permettono di identificare la struttura di base dei ragionamenti; l’azzurro alcune espressioni che potrebbero essere riproposte nella mia argomentazione; il verde una frase icastica (epifonema) che potrei usare all’inizio, alla fine, o in un punto cruciale del mio testo, per dare un effetto espressivo.

Nel margine destro ho fatto sinteticissimi riassunti dei concetti principali delle tracce, in forma di titoli, che mi permettono di ripercorrere i ragionamenti dei testi, senza essere ogni volta costretto a rileggerli da capo: posso anche utilizzarli per smontare le tracce e rimontarle in una mia personale dispositio, nella quale aggiungerò qua e là qualche idea mia (ma senza strafare nell’esibizione del mio pensiero personale, che di solito non interessa a nessuno).

 

Dalle tracce dell’Esame di Stato 2006

Tipologia B (saggio breve o articolo di giornale)

4. AMBITO TECNICO - SCIENTIFICO

ARGOMENTO: Finalità e limiti della conoscenza scientifica: che cosa ci dice la scienza sul mondo che ci circonda, su noi stessi e sul senso della vita?

DOCUMENTI

«Noi sentiamo che, anche una volta che tutte le possibili domande scientifiche hanno avuto risposta, i nostri problemi vitali non sono ancora neppur toccati. Certo allora non resta più domanda alcuna; e appunto questa è la risposta».

L. WITTGENSTEIN, Tractatus logico-philosophicus, 1921, 6.52

- le domande sono risposte

- le risposte sono domande

«Viviamo in un mondo che ci disorienta con la sua complessità. Vogliamo comprendere ciò che vediamo attorno a noi e chiederci: Qual è la natura dell’universo? Qual è il nostro posto in esso? Da che cosa ha avuto origine l’universo e da dove veniamo noi?… quand’anche ci fosse una sola teoria unificata possibile, essa sarebbe solo un insieme di regole e di equazioni. Che cos’è che infonde vita nelle equazioni e che costruisce un universo che possa essere descritto da esse? L’approccio consueto della scienza, consistente nel costruire un modello matematico, non può rispondere alle domande del perché dovrebbe esserci un universo reale descrivibile da quel modello. Perché l’universo si dà la pena di esistere?... Se però perverremo a scoprire una teoria completa, essa dovrebbe essere col tempo comprensibile a tutti nei suoi principi generali, e non solo a pochi scienziati. Noi tutti - filosofi, scienziati e gente comune - dovremmo allora essere in grado di partecipare alla discussione del problema del perché noi e l’universo esistiamo. Se riusciremo a trovare la risposta a questa domanda, decreteremo il trionfo definitivo della ragione umana: giacché allora conosceremmo la mente di Dio»

S. HAWKING, Dal Big Bang ai buchi neri, 1988

- complessità > comprensione (tenere dentro)

- le regole della scienza non calcolano quel che non è calcolabile

- il modello matematico è uno schema, non una risposta al perché

-il perché è la domanda di tutti

 

«Come l’arte, anche la scienza non è affatto semplicemente una attività culturale dell’uomo. La scienza è un modo, e un modo decisivo, in cui si presenta a noi tutto ciò che è. Per questo dobbiamo dire che la realtà, entro la quale l’uomo odierno si muove e si sforza di mantenersi, è codeterminata in misura crescente nei suoi tratti fondamentali da ciò che si usa chiamare la scienza occidentale o la scienza europea. Se riflettiamo su questo processo, vediamo che la scienza, nel mondo occidentale e nelle varie epoche della storia di questo, ha sviluppato una potenza mai prima conosciuta sulla terra ed è sul punto di estendere conclusivamente questa potenza su tutto il globo terrestre. Si può dire che la scienza sia solo un prodotto dell’uomo sviluppatosi fino a questo livello di dominio, così che ci si potrebbe aspettare che un giorno… sia anche possibile rovesciare questo suo dominio? Oppure qui domina un destino di più ampia portata? Forse nella scienza c’è qualcos’altro che domina, oltre al puro voler-sapere dell’uomo? In effetti è proprio così. C’è qualcos’altro che qui domina. Ma questo altro ci si nasconde, fino a che rimaniamo attaccati alle rappresentazioni correnti della scienza»

M. HEIDEGGER, Scienza e meditazione, Conferenza
tenuta a Monaco il 4/8/1953, ora in Saggi e discorsi, 1957

- scientia gratia scientiae

- la scienza è un modo (quomodo) non un’entità (quid)

- la scienza è un prodotto dell’uomo, non della realtà

-il dominio è della scienza o del destino?

- ma il destino resta oscuro

«I progressi della scienza sono un capitolo tra i più affascinanti nella storia del nostro tempo. I suoi enormi successi sono stati raggiunti, peraltro, attraverso una delimitazione metodica. Ci si è limitati strettamente e del tutto consapevolmente a ricercare soltanto ciò che poteva essere misurato e contato. Ma ogni delimitazione comporta anche dei confini e dunque sono “rimaste fuori” tutte le questioni che riguardano il perché dell’esistenza, da dove veniamo, dove andiamo». Quindi? «Se gli scienziati affermassero che quanto hanno scoperto esaurisce tutta la realtà, si avrebbe un superamento dei limiti. E allora si deve replicare, non tanto per motivi di fede ma per motivi di ragione: “Questo è troppo poco”. L’intelligenza umana va oltre il misurabile e l’enumerabile. Arriva anche alle grandi questioni metafisiche, alla domanda di senso»

Da un’intervista a Ch. Schoenborn, in M. POLITI,
C’è un Disegno nell’universo, LA REPUBBLICA, 6/11/2005

- la scienza come griglia per comprendere attraverso il contare

- ma l’individuo è unico originale diverso

- per comprendere la realtà non basta quantificarla

«Ogni volta che un filosofo vi dirà di aver scoperta la verità definitiva non credetegli; e non credetegli neppure se vi dirà di aver individuato il bene supremo. Egli, infatti, si limiterebbe a ripetere gli errori commessi dai suoi predecessori per duemila anni… Si pretenda dal filosofo che sia modesto come lo scienziato; allora egli potrà avere il successo dell’uomo di scienza. Ma non gli si chieda che cosa dobbiamo fare. Ascoltiamo piuttosto la nostra volontà e cerchiamo di unirla a quella degli altri. Il mondo non ha alcuno scopo o significato all’infuori di quello che vi introduciamo noi»

H. REICHENBACH, La nascita della filosofia scientifica, 1951, trad. it. 1961

- la filosofia vede il tutto, ma perde il particolare

- la scienza fa il contrario

- una filosofia scientifica?

- o una scienza filosofica?

«La scienza, che cominciò come ricerca della verità, sta divenendo incompatibile con la veridicità, poiché la completa veridicità tende sempre più al completo scetticismo scientifico. Quando la scienza è considerata contemplativamente, non praticamente, ci si accorge che ciò che crediamo lo crediamo per la nostra fede animale, e che alla scienza dobbiamo solo i nostri disinganni. Quando, d’altro canto, la scienza si considera come una tecnica per la trasformazione di noi stessi e di quanto ci sta attorno, vediamo che ci dà un potere del tutto indipendente dalla sua validità metafisica. Ma noi possiamo solo usare questa potenza, cessando di rivolgerci delle domande metafisiche sulla natura della realtà. Eppure queste domande sono la testimonianza dell’atteggiamento di amore verso il mondo. Così, solo in quanto noi rinunciamo al mondo come amanti, possiamo conquistarlo da tecnici. Ma questa divisione dell’anima è fatale a ciò che vi è di meglio nell’uomo. Non appena si comprende l’insuccesso della scienza considerata come metafisica, il potere conferito dalla scienza come tecnica si otterrà solo da qualcosa di analogo alla adorazione di Satana, cioè, dalla rinuncia dell’amore… La sfera dei valori sta al di fuori della scienza, salvo nel tratto in cui la scienza consiste della ricerca del sapere. La scienza, come ricerca del potere, non deve ostacolare la sfera dei valori, e la tecnica scientifica, se vuole arricchire la vita umana, non deve superare i fini a cui dovrebbe servire»

B. RUSSELL, La visione scientifica del mondo, cap. XVII, 1931

- la scienza astratta ci disinganna dalle nostre illusioni

- quella concreta è oltre il bene e il male.

- se usiamo la scienza, dimentichiamo il senso, che è come innamoramento

- senza il senso, la scienza diventa adorazione di Satana

- unico valore nella scienza: la ricerca del sapere

«Le mere scienze di fatti creano meri uomini di fatto… Nella miseria della nostra vita – si sente dire – questa scienza non ha niente da dirci. Essa esclude di principio proprio quei problemi che sono i più scottanti per l’uomo, il quale, nei nostri tempi tormentati, si sente in balìa del destino; i problemi del senso o del non-senso dell’esistenza umana nel suo complesso… concernono l’uomo nel suo comportamento di fronte al mondo circostante umano ed extra-umano, l’uomo che deve liberamente scegliere, l’uomo che è libero di plasmare razionalmente se stesso e il mondo che lo circonda. Che cos’ha da dire questa scienza sulla ragione e sulla non-ragione, che cos’ha da dire su noi uomini in quanto soggetti di questa libertà?… La verità scientifica obiettiva è esclusivamente una constatazione di ciò che il mondo, sia il mondo psichico sia il mondo spirituale, di fatto è. Ma in realtà, il mondo e l’esistenza umana possono avere un senso se le scienze ammettono come valido e come vero soltanto ciò che è obiettivamente constatabile, se la storia non ha altro da insegnare se non che tutte le forme del mondo spirituale, tutti i legami di vita, gli ideali, le norme che volta per volta hanno fornito una direzione agli uomini, si formano e poi si dissolvono come onde fuggenti, che così è sempre stato e sempre sarà, che la ragione è destinata a trasformarsi sempre di nuovo in non-senso, gli atti provvidi in flagelli? Possiamo accontentarci di ciò, possiamo vivere in questo mondo in cui il divenire storico non è altro che una catena incessante di slanci illusori e di amare delusioni? »

E. HUSSERL, La crisi delle scienze europee, ed. post. 1959, § 2, passim

- studiare il fuori di sé fa dimenticare il dentro di sé

- il destino è fuori

-il comportamento parte dal dentro

- libertà di plasmare se stessi e il mondo

- la verità scientifica è pura constatazione di significante, non un significato (cfr. segno)