Top menu

2009_mantovainrosso_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_settembre_w.jpg2010_steppa_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_temporale_w.jpg

omoteleuto

L’omotelèuto (o omeoteleuto, o omoioteleuto) è una figura morfologica che consiste nell’uguaglianza fonica delle terminazioni di due o più parole, specie se poste in posizione simmetrica.

Di per sé può coinvolgere un numero qualsiasi di suoni, mentre la ►rima, che è una specie particolare di omoteleuto, riguarda tutti i fonemi a partire dalla vocale tonica in poi.

 


Esempi

audaciter territas, humiliter placas.