Top menu

2009_stagno_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_marina_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_settembre_w.jpg

lassa

La lassa è una struttura strofica composta da serie di versi di numero variabile (a differenza della strofa, che ha un numero fisso di versi).

È originariamente tipica, se pure non esclusiva, della poesia epica francese (in lingua d’oïl, ad es. la Chanson de Roland in decasillabi epici), dove i versi sono uniti da ►rime o da semplici assonanze.

Nella poesia italiana delle origini sono composti di lasse i cosiddetti ►Ritmi (es. Ritmo Laurenziano), e alcuni poemetti didascalici settentrionali. Possono essere definite lasse di versetti non ritmici le suddivisioni del Cantico di Francesco d’Assisi.

Anche autori moderni (come Pascoli o D’Annunzio) hanno recuperato la struttura per lasse, in poesie a imitazione delle antiche.