Top menu

2010_temporale_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg

esametro dattilico

L’esametro dattilico, il verso più importante della poesia classica greca e latina, è formato da sei piedi dattilici (esapodia dattilica), di cui l’ultimo tronco (catalettico), con la possibilità di sostituzione delle coppie adiacenti di sillabe brevi mediante una sillaba lunga (trasformando così i dattili in spondei); tale sostituzione non avviene nel 5° piede se non rarissimamente, dando allora al verso il nome di esametro spondaico.

–  , –  , –  , –  , – , – 

Cesure

Nell’esametro dattilico le cesure principali sono le seguenti:

pentemìmera o semiquinaria: cade dopo il 5° mezzo piede (arsi del 3° piede):

, –  , – // , –  , – , – 
Arma virumque cano || Troiae qui primus ab oris

eftemìmera o semisettenaria: cade dopo il 7° mezzo piede (arsi del 4° piede):

, –  , –  , – // , – , – 
Haec dum Dardanio Aeneae || miranda videntur

del terzo trocheo: cade dopo la 1ª breve del 3° piede dattilico:

, –  , – // , –  , – , – 
Spargens umida mella || soporiferumque papaver

 

In un verso c’è sempre almeno una cesura (principale), ma possono esservene anche altre (secondarie), fino a tre. Ne esistono svariate altre tipologie, ma spesso sono solo elucubrazioni dei teorici piuttosto che effettive intenzioni poetiche degli autori.

tritemimera: dopo il 3° mezzo piede (arsi del 2° piede)

, – / , – // , –  , – UU, – U
Fronde super | viridi. || Sunt nobis mitia poma

, – / , – , – // , – , – 
Clamores | simul horrendos || ad sidera tollit

cesura o dieresi bucolica: cade alla fine del 4° piede dattilico:

, –  , – //  , –  , / – , – 
Pollio et ipse facit || nova carmina; | pascite taurum

Si dice maschile la cesura che segue un’arsi (prima posizione lunga di un piede); femminile quella che non segue un’arsi: la poesia latina preferisce decisamente le cesure maschili.

 

Dall’esametro deriva il pentametro dattilico, che è una sua variante con cesura fissa tritemimera: 

– ∪∪ , – ∪∪ , – // – ∪∪ , – , –

Esametro e pentametro dattilici entrano in composizione nel distico elegiaco.