Top menu

2009_sorgere_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_stagno_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2010_temporale_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto_w.jpg

funzione cataforica (intratestuale)

Si dice funzione cataforica il procedimento sintattico inverso alla funzione anaforica, che consiste nell’anticipare (prolessi) un elemento seguente (referente) mediante un pronome (pronome cataforico), che col referente concorda in genere e numero (ma non in caso, se appartiene a una proposizione differente).

Esempi

Codesto (= pronome cataforico) solo oggi possiamo dirti, | ciò (= referente) che non siamo, ciò (= referente) che non vogliamo (Montale)