Top menu

2011_settembre_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg

Analisi coerenti

Nella tesina del I quadrimestre, che riguardava solo testi poetici, il mandato richiedeva esplicitamente l’analisi metrica dei brani scelti.

La tesina del II quadrimestre riguarda invece testi teatrali, i quali possono essere in poesia (tragedie, melodrammi, opere buffe), ma anche in prosa (soprattutto commedie, magari anche in dialetto): quindi richiedere espressamente una analisi metrica sarebbe strano.

È evidente dunque che le analisi alle quali sottoporre i brani scelti dovranno essere compatibili con la tipologia dei brani stessi, e mostrare che l’autore dell’analisi si è reso conto delle peculiarità del brano che sta commentando e le rileva puntualmente.

Ad es., se il brano è caratterizzato da figure connotative (retoriche) molto evidenti, l’analisi dovrà soffermarsi particolarmente su quelle; ugualmente se il testo contiene riferimenti a concetti (formali o contenutistici) che sono stati affrontati in classe, ciò dovrà essere rilevato nell’analisi.

Se il brano scelto sarà in poesia, allora per forza una parte dell’analisi dovrà essere dedicata a rilevare i suoi caratteri metrici e poetici (versi, rime, forme aperte/chiuse, ritmi, ...)

NB: Non dimenticate che i brani da commentare devono limitarsi a 10-20 righe o versi, mentre il testo dell’intera opera dovrà essere conosciuto, come pure i dati salienti della biografia dell’autore.