Top menu

2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2010_steppa_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2010_temporale_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_tramonto_w.jpg

Paradosso di Epi... chi?

Narra la tradizione che il vecchio ambasciatore Epimenide di Creta (VI sec. a.C.) metteva in guardia i suoi interlocutori a non credere mai ai cretesi perché, a suo dire, «i cretesi sono tutti bugiardi».

Da questo apologo il suo nome ha tratto una fama immortale, per essere stato attribuito al paradosso di Epimenide, appunto, ovverosia il paradosso del mentitore.

Le sue formulazioni nel tempo sono state molte: «io dico sempre bugie; io sto mentendo; questa frase è falsa; ...», ma soprattutto ha sollecitato la mente di piccoli e grandi pensatori a trovare una via d’uscita alla sua evidente circolarità.

Intanto vi lancio la provocazione: poi magari quando volete ne riparliamo.

Per approfondire un po’, cominciate a vedere ad es.:
» http://it.wikipedia.org/wiki/Paradosso_del_mentitore