Top menu

2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_stagno_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2007_grandepino_w.jpg

Bellini, “Malinconia”

Vincenzo BELLINI (1801-1835)

"Malinconia", da Sei ariette da camera, per voce e pianoforte, dedicate a Marianna Pollini (1829)

 

Questa “arietta” di Vincenzo Bellini intona due strofe dell’ode "La melanconia" di Ippolito Pindemonte (la quarta, seguita dalla prima, probabilmente perché è la quarta strofa che comincia con la parola “melanconia”, che è anche il titolo del testo e del brano musicale).

 

 

Suggerisco di provare a identificare la struttura musicale che Vincenzo Bellini ha elaborato per il testo poetico (i musicologi saranno avvantaggiati dalla presenza dello spartito, ma non è impossibile che ci riescano anche i non musicisti, se ci prestano un po’ di attenzione acustica).

Ci sono diverse altre versioni su Youtube: basta cercarle.