Top menu

2009_incendio_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_settembre_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg

gerundivo predicativo

Gerundivo predicativo (perifrastica passiva)

Una perifrastica passiva col gerundivo (gerundivo predicativo) può presentarsi in 4 forme:

1.  con l’agente (dativo) e il soggetto
2.  solo col soggetto
3.  solo con l’agente
4.  senza né agente né soggetto

(negli ultimi due casi è forma impersonale vera, col verbo alla 3ª pers. sing. neutra)

La resa migliore si ha procedendo col seguente criterio:

• dove l’agente è espresso, tradurre la frase all’attivo
• dove l’agente non è espresso, tradurre col si passivante

1. pax amanda est tibi
= devi amare la pace (da te deve essere amata la pace)
2. pax amanda est = si deve amare la pace 
(la pace deve essere amata)
3. amandum est tibi = devi amare
4. amandum est = si deve amare