Top menu

2009_mantovainrosso_w.jpg2010_temporale_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_settembre_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_marina_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_tramonto_w.jpg

proposizione narrativa

Due parole sulla proposizione narrativa (cum + congiuntivo).

Siccome non esiste in italiano, occorre sostituirla con un’altra proposizione che esiste: causale o temporale (o concessiva):

• provare sempre prima di tutto a usare “poiché”, e cambiare (con “mentre” o “dopo che”, qualche volta “nonostante”) solo se non ha senso;
• il verbo deve essere reso con
   - tempo semplice, se è un infectum,
   - tempo composto, se è un perfectum,
   - forma di posteriorità, se è un participio futuro + sim / essem;
• attenzione a non usare una implicita (gerundio, infinito o participio) se il soggetto della narrativa non è lo stesso della proposizione principale!

 


Esempi

- cum magister discipulos laudet
= poiché (mentre) il maestro loda gli alunni
- cum magister discipulos laudaret
= poiché (mentre) il maestro lodava gli alunni
- cum magister discipulos laudaverit
= poiché (dopo che) il maestro ha lodato gli alunni

- cum magister discipulos laudavisset = poiché (dopo che) il maestro aveva (ebbe) lodato gli alunni
- cum magister discipulos laudaturus sit
= poiché il maestro loderà (prima che lodi) gli alunni
- cum magister discipulos laudaturus esset
= poiché il maestro avrebbe lodato (prima che lodasse) gli alunni