Top menu

2012_tre-alberi_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_settembre_w.jpg2008_controlucemn_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2010_steppa_w.jpg2010_temporale_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg

ablativo, funzioni

L'ablativo latino assume le funzioni di tre casi della antica declinazione indo-europea (testimoniati ad es. nel sanscrito):

• ablativo ablativale = moto da luogo (ablativus casus, da ab e fero = il caso del portar via)

 ablativo locativo = stato in luogo

 ablativo strumentale (sociativo) = mezzo, modo, causa, compagnia

- normalmente la funzione specifica è espressa dalle preposizioni di moto da luogo (ab, ex, de, ...), stato in luogo (in, ...) o di mezzo-compagnia (cum)

- quando la preposizione non è presente, occorre lasciarsi guidare dal senso della frase
suggerisco in questo caso di provare nell'ordine le tre possibilità: moto da ("via da..."); stato ("in...") e mezzo-modo-causa ("con... per mezzo di... a causa di...")