Top menu

2012_campo-papaveri_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_stagno_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg

Esistenza senza appello

L’esistenza è una condanna senza appello e senza riscatto; niente vi è da fare contro di essa; ed è forse la speranza soltanto, il nostro bisogno di riprender fiato come dall’acuto dolore d’una ferita, che ha immaginato uno stato altro dall’esistere, un nulla. Forse mio Dio, tutto esiste, è esistito, esisterà in eterno. Non c’è niente da fare contro la vita.

Tommaso Landolfi