Top menu

2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_settembre_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_incendio_w.jpg2010_steppa_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_stagno_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sorgere_w.jpg

Identità fantasmatica

Chi è il pazzo di noi due? Eh, lo so: io dico: «tu», e tu col dito indichi me. - Va’ là, che così a tu per tu, ci conosciamo bene noi due! - Il guajo è che, come ti vedo io, non ti vedono gli altri! E allora, caro mio, che diventi tu? Un fantasma, caro, un fantasma! - Eppure, vedi questi pazzi? Senza badare al fantasma che portano con sé, in se stessi, vanno correndo, pieni di curiosità, dietro il fantasma altrui! E credono che sia una cosa diversa.

Luigi Pirandello
da Così è (se vi pare), atto II scena 3ª