Top menu

2012_tre-alberi_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_marina_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg

Fine del naso

È provato che le cose non potrebbero stare altrimenti: essendo tutto quanto creato in vista di un fine, tutto è necessariamente inteso al fine migliore. I nasi, notate, son fatti per regger gli occhiali: e noi infatti abbiamo gli occhiali. Le gambe non è chi non veda come siano istituite per essere calzate: e noi abbiamo appunto le calzature. Lo scopo delle pietre è di esser tagliate e murate in castelli: e Sua Grazia possiede precisamente un castello bellissimo. Ne consegue che coloro i quali hanno affermato che tutto va bene, han detto una castroneria. Bisognava dire che meglio di così non potrebbe andare.

François Marie Arouet de Voltaire
da
Candido o l’ottimismo