Top menu

2009_sottobosco_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sorgere_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_incendio_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_settembre_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2010_steppa_w.jpg

Amore parodia

Amare, per le nostre donne, è giocare a mentire, come i bambini giocano a nascondersi; orrenda dissolutezza del cuore, peggio di tutta la lubricità romana ai saturnali di Priapo; parodia bastarda del vizio stesso come della virtù; commedia sorda e bassa, dove tutto viene sussurrato e considerato a sguardi obliqui, dove tutto è piccolo, elegante e deforme, come in quei mostri di porcellana che sono importati dalla Cina; derisione pietosa di quello che c’è al mondo di bello e di brutto, di divino e d'infernale; ombra senza corpo, scheletro di tutto ciò che Dio ha fatto.

Alfred de Musset,
da La confessione di un figlio del secolo