Top menu

2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto2_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_settembre_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_marina_w.jpg

Simbolo congiuntivo

Per l’uomo del passato ogni cosa ed evento diventava simbolo, ossia occasione per "mettere insieme" - questo significa il verbo greco synballein - aspetti invisibili attraverso ciò che è visibile. Purtroppo l'uomo d'oggi sembra aver smarrito l'accesso alla dimensione simbolica e si perde nella molteplicità dei segni, schegge di un puzzle, di cui gli sfugge il disegno; mentre compito del simbolo è quello di congiungere due realtà, prive di significato se disgiunte, stabilendo una relazione tra il visibile come segno e l'invisibile come significato.

Anna Maria Finotti (psicologa)
Giornale di Brescia, 23.12.2009, p. 37