Top menu

2008_controlucemn_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_incendio_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2011_marina_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg

Verità inesauribile

Secondo Berti è senz’altro possibile opporsi a chi nega l’esistenza della verità, facendo leva sull’osservazione di alcuni comportamenti. Il primo fra questi è la ricerca (scientifica o umanistica che sia): «Si cerca sempre e solo per trovare qualcosa, e quel qualcosa è la verità». II secondo comportamento è il dubbio, che «altro non è che il timore di non essere nel vero: chi nega il vero non dovrebbe mai avere dubbi». Infine Berti cita l’amore per la democrazia. Il filosofo conclude sostenendo che ha senso parlare di pluralità del vero: «Il vero è l’intero, per dirla con Hegel. Ma poiché l’intero non è completamente esauribile, diverse interpretazioni sono legittime, ossia sono vere almeno parzialmente».

Enrico Berti (storico della filosofia)
Giornale di Brescia, 26.03.2011, p. 10