Top menu

2011_cespuglio_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2010_temporale_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_settembre_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg

Filosofia in quarto

Vi sono quattro modi di filosofare: il primo colla sola ragione, il secondo col senso solo, il terzo con la ragione prima e poi col senso, il quarto dal senso incominciando e ultimando colla ragione. Pessimo è il primo, perché si sa quello che vorremmo che fosse, non quel che è; cattivo è il terzo, perché molte volte si tira quel che è a quel che si vorrebbe, in luogo di regolarci all'opposto; vero è il secondo, ma rozzo, e fa saper poco, e piuttosto l'esser che la causa; il quarto è l'ottimo che in questa misera vita possiam avere.

Paolo Sarpi (1552-1623)
da Pensieri filosofici e scientifici