Top menu

2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2007_grandepino_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2010_steppa_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg

Io impermeabile

L'io è un guscio impermeabile. Che ingigantisce la percezione di sé e rende trascurabile quella degli altri. Più si è sovrani assoluti di questo piccolissimo universo, e più ci si crede al centro del mondo. Ed è in questa forma - o sarebbe meglio dire deformazione - che si declinano tutte le stagioni della vita. Dall'infanzia alla vecchiaia.

Irène Némirovsky
(scrittrice russa-francese del '900),
da Giorno d'estate