Top menu

2007_grandepino_w.jpg2010_temporale_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_marina_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg

anafora

L’anàfora è una figura sintattica che consiste nella ripetizione di una o più parole all’inizio di strutture (versi, enunciati, frasi) successive. È una forma di iterazione che comporta una marcatura enfatica dell’elemento iterato.

Se l’anafora avviene alla fine di due o più strutture, si può chiamare epífora.

 


Esempi

anafora: Per me si va nella città dolente, | per me si va nell’eterno dolore, | per me si va tra la perduta gente (Dante).

epifora: suono il campanello: nessuno; chiamo: nessuno; apro la porta: nessuno.