2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_steppa_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_settembre_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2010_temporale_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_incendio_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg

funzione fatica

La funzione fàtica, nella teoria della comunicazione di Roman Jakobson (1963), si ha quando il messaggio è orientato prevalentemente sulla verifica del canale (o contatto) attraverso cui il mittente invia al destinatario il messaggio. Ne sono tipiche, ad es., locuzioni e interiezioni come “pronto? mi senti? capito? hm hm? ...”, che non servono a comunicare contenuti, ma esclusivamente per controllare se esiste la possibilità della comunicazione, cioè l’apertura del canale fisico o psicologico.

La funzione fàtica riguarda anche altre forme stereotipate di discorso, come i saluti (di incontro e di separazione), i convenevoli, gli auguri, le considerazioni sul tempo, ecc., che servono per la cosiddetta manutenzione del canale, cioè ad aprire, mantenere aperto o chiudere un contatto fra due o più interlocutori.

 

 Per approfondire

Roman JAKOBSON, 1963

Vi sono messaggi che servono essenzialmente a stabilire, prolungare o interrompere la comunicazione, a verificare se il canale funziona (“Pronto, mi senti?”), ad attirare l’attenzione dell’interlocutore o ad assicurarsi la sua continuità (“Allora, mi ascolti?” o, in stile shakespeariano, “Prestatemi orecchio!” – e, all’altro capo del filo, “Hm hm!”). Questa accentuazione del contatto può dare luogo ad uno scambio sovrabbondante di formule stereotipate, a interi dialoghi il cui unico scopo è di prolungare la comunicazione. Dorothy Parker ne ha sorpresi esempi eloquenti: « “Bene!” disse il giovane; “Bene!” essa rispose. “Bene, eccoci qui”, egli disse; “Eccoci qui, non è vero” essa rispose. “Direi proprio che ci siamo”, egli disse “Ooh. Eccoci qua”; “Bene!” essa disse. “Bene!” egli disse, “Bene!” »


La funzione fàtica nella letteratura

Eugène IONESCO, La cantatrice calva. Anticommedia (1950)


La funzione fàtica nelle immagini