Top menu

2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_temporale_w.jpg2010_steppa_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_marina_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_incendio_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg

assi del linguaggio

Secondo la teoria linguistica di Roman Jakobson (1963), gli assi su cui si articola il linguaggio (come dire, le dimensioni linguistiche) sono due:

• l’asse sintagmatico (o di contiguità), fondato sulla prossimiità (vicinanza), sul quale è fondata la metonimia

• l’asse paradigmatico (o di similarità), fondato sulla analogia (equivalenza), sul quale è fondata la metafora.

 

 Per approfondire
James G. FRAZER     I principi della magia”, da Il ramo d’oro (1922)
    “La magia simpatica”, da Il ramo d’oro (1922), cap. 3 [doc]
Roman  JAKOBSON   I poli metaforico e metonimico”, da “Due aspetti del linguaggio...” (1963)   
    “Due aspetti del linguaggio e due tipi di afasia” (1963) [doc]