Top menu

2011_cespuglio_w.jpg2010_temporale_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_settembre_w.jpg

Correzioni correggibili

2C - 2D - 3C

In sèguito alle correzioni dei primi temi in classe, vorrei cogliere l'occasione per chiarire una volta per sempre alcune idee soprattutto su quei punti che a molti di voi risultano ancora oscuri, come appare dagli errori comuni un po' a tutti.

Distinguerò per tipologie, sintetizzando al massimo.

Digitazione del testo

  • le punteggiature (. , ; :) hanno sempre lo spazio dopo e mai prima
  • mai spazio tra l'apostrofo e la parola seguente
  • virgolette, apici e parentesi, nella forma chiusa hanno lo spazio dopo e non prima; nella forma aperta lo spazio prima e non dopo
  • mai due o più spazi consecutivi in nessun punto del testo (alla fine toglili con il comando "Trova e Sostituisci" due spazi con uno spazio, ripetendo fino a ottenere "Sostituzioni 0")
  • mai usare la barra spaziatrice per formattare il testo (se occore, usa il comando "Centra" o "Allinea a destra")
  • usa il corsivo per i titoli dei libri/giornali, le parole non italiane, e le parole in uso metalinguistico
  • usa le virgolette esclusivamente per i testi citati (parole non tue) e per i titoli degli articoli
  • togli le spaziature automatiche dopo i paragrafi ("Paragrafo/Spaziatura/Dopo" = 0)

 Ortografia e punteggiatura

  • gli accenti grafici sono gravi per tutte le vocali, tranne la -e-; acuti per la -e-, tranne è/cioè, ahimè, diè, piè, tè, caffè, coccodè, Mosè, Salomè, e simili (per il resto, si veda la scheda "accenti grafici")
  • "È" non va con l'apice ("Inserisci/Caratteri speciali/È", o "Alt+0200", oppure "è, Maiusc+F3")
  • la parola "così" ha l'accento sempre
  • sempre virgola prima di "ma", e mai più di un solo "ma" per frase
  • sempre due punti prima di "infatti", o quando seguono chiarimenti o esempi di quanto detto appena prima
  • di solito la virgola va a inizio/fine delle proposizioni dipendenti non complementari dirette (soggettive/oggettive)
  • non andare a capo a ogni frase o mai: raggruppare 2/3 frasi per volta in capoversi (paragrafi), secondo l'articolazione dell'argomento

Connettivi e sintassi

  • attenzione all'uso di "questo": riprende (anaforico) il nome o concetto (referente) più vicino
  • "quest'ultimo" è parola proibita sempre (sostituire con pronome o con perifrasi)
  • "quindi" è riservato alle conclusioni di sillogismi (ragionamenti in cui da almeno due premesse vere si trae una conseguenza necessaria)
  • no congiuntivo, quando si può usare l'indicativo (appare ipercorrettismo)
  • no frasi nominali (senza verbo) o comunque prive di verbo principale

Lessico e stile

  • non usare parole generiche ("cose, fare, ...") se non è strettamente necessario
  • non abusare di avverbi (che producono antipatici omoteleuti)
  • non usare mai la seconda persona nei testi referenziali (la considero sempre errore grave)
  • non usare la prima persona, se non in contesti evidenti di funzione emotiva
  • non usare parole inglesi, se esiste una parola italiana per dire lo stesso concetto
  • i neologismi sono consentiti, se comprensibili e esteticamente gradevoli

E non dimenticare mai di inserire i propri dati personali all'inizio di ogni testo elettronico (file, email) che dobbiamo consegnare in forma ufficiale a qualcun altro.