Top menu

2008_controlucemn_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2011_marina_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_settembre_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_tramonto_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_incendio_w.jpg

"Je suis Charlie"

Non è mia abitudine - come sapete - assecondare il flusso delle notizie più in voga, ma in questo caso non posso evitare di chiedervi di esprimervi sulla questione dell'attentato a Parigi del 7 gennaio scorso.

Lo faccio sottoponendovi un paio di articoli usciti ieri sulla stampa, di impronta molto diversa l'uno dall'altro (secondo il criterio del confronto-scontro che a me piace molto).

• "Straniero, tu chi sei? - intervista a Zygmunt Bauman", di Maria Serena Natale, dal Corriere della sera, 12.01.2015

• "#JeSuisKouachi e #JeSuisCoulibaly: ecco perché", di Giuliano Ferrara, da Il Foglio, 12.01.2015