Top menu

2011_schiumadonda_w.jpg2009_incendio_w.jpg2010_steppa_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_stagno_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2010_temporale_w.jpg

Progetto Planerio

Gli scopi del Progetto Planerio sono

1) leggere, tradurre e capire il saggio De Comete 1577, pubblicato nel 1584 dal medico Giovanni Planerio Quinziano;
2) analizzarne e approfondirne, nel limite del possibile, alcuni aspetti scientifici, linguistici, letterari e culturali in genere;
3) produrre una ricerca, da poter pubblicare da qualche parte in forma digitale o cartacea.

Scopi non secondari di questo lavoro sono anche

4) offrire l'occasione di scoprire le potenzialità di apprendimento di contenuti (quid), ma soprattutto di metodi (quomodo), attraverso una attività di ricerca seria e condotta rigorosamente;
5) sperimentare lo strumento di lavoro del wiki, che dà la possibilità di operare in gruppo sugli stessi temi, in modo che ogni componente del gruppo possa in ogni momento agire in ogni parte del lavoro.

Sono convinto che le potenzialità di questo modo di lavorare siano notevoli, in quanto ogni persona
• può intervenire, proponendo il frutto delle proprie ricerche o dei propri pensieri;
• può correggere eventuali errori, imprecisioni o incompletezze degli altri.

D'altra parte, ogni persona
• ha in ogni momento sotto gli occhi il lavoro degli altri, e quindi può arricchirsene e/o controllarlo;
• sa che in ogni momento gli altri hanno sotto gli occhi il suo lavoro, e quindi si mette in condizioni di dover renderne ragione, sia che abbia prodotto del suo, sia che abbia corretto l'altrui.
 
Una prospettiva di lavoro intrigante, no? Allora, vi va di mettervi in gioco?