Top menu

2011_settembre_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_marina_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2010_temporale_w.jpg2009_stagno_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg

Belliniana Malinconia

Vediamo un po’ di recuperare la “arietta” di Bellini che non siamo riusciti a sentire stamattina in classe (m’han detto che la disparizione del driver della scheda audio è gentile cortesia di un virus che gira da qualche giorno nei computer della scuola!)

Si tratta di due strofe dell’ode Melanconia di Ippolito Pindemonte (la quarta, seguita dalla prima, probabilmente perché è la quarta che comincia con la parola “melanconia”, che è anche il titolo del testo).

Suggerisco di provare a identificare la struttura musicale che Vincenzo Bellini ha elaborato per il testo poetico (i musicologi saranno avvantaggiati dalla presenza dello spartito, ma non è impossibile che ci riescano anche i non musicisti, se ci prestano un po’ di attenzione acustica).

(Ah: ce ne sono anche altre versioni su Youtube: basta cercarle).