Top menu

2010_temporale_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2008_acquitrino_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2009_stagno_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_incendio_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_settembre_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg

Accenti e altre incertezze

Allora, visto che sono alle prese colle correzioni dei temi, posso cominciare a darvi qualche indicazione.

• intanto una richiesta pressante di carattere grafico: i puntini sulle -i- vanno sempre segnati, non sono opzionali, perché servono a identificare la lettera -i- fra altre lettere che potrebbero assomigliarle (cominciando dalla -u-, ma anche la -m- e la -n- con la connessione all’ingiù, come le scrivono alcuni).

• poi gli accenti che – come dice la tastiera del computer – sono tutti gravi (-à-, -ì-, -ò-, -ù-), tranne la -e- che è quasi sempre acuta (-é-), mentre è grave solo nel verbo essere (è, cioè) e in alcune parole strane o straniere (Mosè, ..., ahimè, diè, piè, tè, caffè, coccodè, ...).

Vedere in proposito la scheda dell’ortografia nel sito:
» www.webalice.it/quomodo/dizionar/temi-tesine/accento-gr.htm
oppure alcune sintesi in questo stesso forum:
» http://quomodo.forumfree.it/?t=47479129&p=391530067

• altro documento da leggere con attenzione e apprendere nei particolari è quello dei cosiddetti “tabù” per gli scritti di italiano:
» www.webalice.it/quomodo/dizionar/temi-tesine/taboo.htm
(ne riparliamo in classe).

• vedo dell’incertezza nell’uso del passato remoto e del passato prossimo:
- il passato remoto serve per eventi o azioni passate concentrate in un punto e viste senza nessuna relazione col presente;
- il passato prossimo invece serve per eventi o azioni passate che hanno delle conseguenze o relazioni col presente;
es.: «quel giorno lessi un libro per l’ultima volta, e da allora non ho letto più nulla»