Top menu

2011_schiumadonda_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2011_cespuglio_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_stagno_w.jpg2010_steppa_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2010_temporale_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_marina_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg

Diapo e bibliografia

Informazione richiesta da uno, ma utile per tutti:

Se presentate la tesina in doppia versione, ossia saggio cartaceo e diapositive, la bibliografia può essere gestita nel modo seguente:

• per il cartaceo, potete mettere in un'unica nota ai titolo dei paragrafi (o capitoli, o sezioni) i rimandi ai testi di cui vi siete serviti per quel paragrafo (tipo: «Per la realizzazione di questo paragrafo mi sono avvalso dei seguenti testi: ...»)

• la bibliografia nella presentazione ppt deve invece stare su una diapositiva sola: se fosse troppo estesa, potete selezionare solo i testi più rilevanti, o che rendono meglio ragione nel titolo (o negli autori) del tema che viene trattato.

Buon lavoro (e in bocca al lupo).
Un’altra considerazione che dovrebbe essere superflua, ma le svariate esperienze di commissario d’esame che mi sono capitate (compreso l’anno scorso) mi dimostrano necessaria (avrei voluto parlarvene ieri, ma mi è stato leggermente impossibile).

Se doveste scoprire che in una qualsiasi delle prove scritte (specialmente la terza prova, ma non solo quella) avete preso delle cantonate, o fatto errori, o omesso informazioni importanti, abbiate cura di preparavi benissimo su quegli argomenti in vista dell’orale, poiché sono altissime le probabilità che, tra le altre, vi vengano poste delle domande proprio su quelle cose che avete sbagliato o tralasciato negli scritti.

Ovvio vero? appunto... (non dimenticatelo!)