Top menu

2009_tramonto_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2010_steppa_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg2009_incendio_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_marina_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_stagno_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2011_paes-invernale-1_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2009_sottobosco_w.jpg2010_temporale_w.jpg

Temi corretti 1

Vediamo alcune indicazioni che mi vengono dalla correzione dei temi.

• la formula convenzionale “cfr.” (che significa in latino “confer”, o se volete “confronta”), vuol dire né più né meno “vedi, leggi, consulta, controlla ...”, e serve a segnalare che il testo che hai scritto, pur non essendo una citazione letterale, è ispirato o tratto dal testo di un altro autore (o, nel caso, anche da un altro tuo testo). Ciò comporta che deve essere messa prima (mica dopo!) del nome dell’autore, o dei riferimenti al testo che costituisce la fonte.

• attenzione all’uso delle virgole, che non deve essere né troppo scarso, né troppo frequente: la virgola di solito separa le dipendenti dalle reggenti, e gli elementi di un elenco. Usare una virgola dopo ogni parola in casi diversi dagli elenchi è eccessivo e straniante (al massimo si può farlo con alcuni avverbi, tipo infatti, quindi, però, e simili); per il resto, se vi accorgete che troppe parole di sèguito sono tra virgole, vuol dire che ce ne sono troppe.
Sulle virgole, vedere anche
» http://quomodo.forumfree.it/?t=47479129&p=393931567

• un saggio breve (tipologia B, di qualunque ambito), puo essere articolato in paragrafi, ciascuno dei quali dotato di un proprio titolo autonomo: ciò consente al lettore di identificare istantaneamente la struttura del testo, e quando il lettore capisce a occhio l’impostazione del tuo testo, si sente subito a suo agio.
Tuttavia devi ricordare che lo scopo di un titolo è di sintetizzare in breve il concetto centrale di quanto segue: per questo non vanno bene titoli troppo lunghi (non più di due righe), e/o che non rendono evidente il centro d’attenzione di quel paragrafo.
Per i titoli, vedere anche
» http://quomodo.forumfree.it/?t=47486002&p=393450584

• suggerisco un po’ (giusto un po’) di cura per le scelte lessicali:
- ad es. non è carino dire che «il XX secolo è ricco di atrocità», non foss’altro che perché “ricco” è una parola positiva, mentre le atrocità non lo sono proprio!
- ugualmente è difficile «arrivare al fronte attraverso la locomotiva», a meno che non hai i poteri dei Fantastic Four!