Top menu

2011_paes-invernale-1_w.jpg2011_schiumadonda_w.jpg2008_acquitrino_w.jpg2009_toscanasera_w.jpg2011_paes-invernale-2_w.jpgquomodo-testata-blog.jpg2010_steppa_w.jpg2012_nebbia-su-mantova_w.jpg2009_mantovainrosso_w.jpg2009_incendio_w.jpg2008_oltreorizzonte_w.jpg2009_tramonto_w.jpg2010_temporale_w.jpg2007_grandepino_w.jpg2012_tre-alberi_w.jpg2009_tramonto2_w.jpg2011_settembre_w.jpg2011_marina_w.jpg2009_sorgere_w.jpg2009_sottobosco_w.jpg2011_forza-del-vento_w.jpg2011_cespuglio_w.jpg2008_controlucemn_w.jpg2012_campo-papaveri_w.jpg2009_stagno_w.jpg2012_squarcio-di-luce_w.jpg

Accento a cento

A proposito: c’è ancora qualche anima (!) che non ha capito come funzionano gli accenti grafici acuti e gravi su parole tronche e monosillabi.

Allora: riassuntino veloce.

Guarda bene la tastiera del computer:
• tutte le vocali finali diverse da -e- hanno sempre e solo l’accento grave (“\” = -à, -ì, -ò, -ù);
• la -e- finale ha sempre l’accento acuto (“/” = -é), tranne nel verbo essere (= è, cioè) e in alcune parole strane o straniere ormai scritte in Italiano (= Mosè, ..., ahimè, diè, piè, tè, caffè, coccodè, ...)

Fin qui la regolina semplificata al massimo.

Se vuoi vedere i dettagli, le ragioni, gli esempi e le eccezioni, vai qui.